Etichette di pericolo dei rifiuti (HP)-Labirinto Ambientale

Etichette HP sui rifiuti

 
 
Sei un Impianto di Trattamento e/o recupero?
REGISTRATI
su
gestione_IMPIANTI_


   PER SEGNALAZIONE: impianti-rifiuti@labirintoambientale.it
IMPIANTI GESTIONE RIFIUTI

Banche dati ISPRA, contenenti l'Elenco nazionale delle autorizzazioni e comunicazioni

 
0.ABRUZZO0.Basilicata0.Calabria0.Campania0.Emilia_Romagna0.Friuli0.Lazio0.Liguria0.Lombardia0.Marche0.Molise0.Piemonte0.Puglia0.Sardegna0.Sicilia0.Toscana0.Trentino
0.Umbria
Didascalia
0.Val_d_Aosta0.Veneto

BUSINESS

 
 
Criteri di classificazione dei rifiuti pericolosi come da Regolamento (UE) N. 1357/2014

Dal 1° giugno 2015 è divenuto obbligatorio attenersi alle disposizioni del Regolamento (UE) n.1357 del 18/12/2014 che, sostituendo l’allegato III della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai rifiuti, elimina i codici H che allo stato attuale identificano le caratteristiche di pericolo dei rifiuti e introduce i nuovi codici HP relazionati con i codici di indicazione di pericolo risultanti dal regolamento CLP relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele (regolamento CE n. 1272/2008).
Le principali novità apportate dal Regolamento (UE) n.1357 del 18/12/2014 rispetto alla normativa attualmente vigente rappresentata dall’allegato III della direttiva 2008/98/CE sono le seguenti:

  • vengono ridenominate le caratteristiche di pericolo utilizzando la sigla HP in luogo della sigla H;
  • viene meno la distinzione tra la caratteristica di pericolo H3A “facilmente infiammabile” e H3B “infiammabile” e si introduce la sola caratteristica di pericolo HP3 “infiammabile”;
  • con le caratteristiche di pericolo HP4, HP5, HP6, HP12 e HP15 vengono ridefinite le caratteristiche di pericolo H4, H5, H6, H12 e H15;
  • vengono stabiliti nuovi criteri di attribuzione delle caratteristiche di pericolo;
  • se fino al 1° giugno 2015 sarà obbligatorio utilizzare i metodi di prova descritti nell’allegato V della direttiva 67/548/CEE e in altre pertinenti note del CEN, a partire da tale data dovranno essere utilizzati i metodi di prova descritti nel Regolamento (CE) n. 440/2008 e in altre pertinenti note del CEN oppure in altri metodi di prova e linee guida riconosciuti a livello internazionale.
  • I criteri da rispettare per l’attribuzione delle caratteristiche di pericolo sono riassunti nella tabella sottostante.
 
Caratteristiche di pericolo Indicazioni di pericolo (CLP)
HP1
Esplosivo:
Rifiuto che può, per reazione chimica, sviluppare gas a una temperatura, una pressione e una velocità tali da causare danni nell’area circostante. Sono inclusi i rifiuti pirotecnici, i rifiuti di perossidi organici esplosivi e i rifiuti autoreattivi esplosivi.
H200 - H201
H202 - H203
H204 - H240
H241
HP2
Comburente:
Rifiuto capace, in genere per apporto di ossigeno, di provocare o favorire la combustione di altre materie.
H270
H271
H272
HP3
Infiammabile:
  • Rifiuto liquido infiammabile:rifiuto liquido il cui punto di infiammabilità è inferiore a 60 °C oppure rifiuto di gasolio, carburanti diesel e oli da riscaldamento leggeri il cui punto di infiammabilità è superiore a 55 °C e inferiore o pari a 75 °C;
  • Rifiuto solido e liquido piroforico infiammabile:rifiuto solido o liquido che, anche in piccole quantità, può infiammarsi in meno di cinque minuti quando entra in contatto con l’aria;
  • Rifiuto solido infiammabile:rifiuto solido facilmente infiammabile o che può provocare o favorire un incendio per sfregamento;
  • Rifiuto gassoso infiammabile:rifiuto gassoso che si infiamma a contatto con l’aria a 20 °C e a pressione normale di 101,3 kPa;
  • Rifiuto idroreattivo:rifiuto che, a contatto con l’acqua, sviluppa gas infiammabili in quantità pericolose;
  • Altri rifiuti infiammabili:aerosol infiammabili, rifiuti autoriscaldanti infiammabili, perossidi organici infiammabili e rifiuti autoreattivi infiammabili.
H220 – H221
H222 – H223
H224 – H225
H226 – H228
H242 – H250
H251 – H252
H260 – H261
HP4
Irritante / Irritazione cutanea e lesioni oculari:
Rifiuto la cui applicazione può provocare irritazione cutanea o lesioni oculari.

Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP4 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H314 è ≥ 1 % e < 5 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP4 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H318 è ≥ 10 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP4 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con i codici di pericolo H315 e H319 è ≥ 20 %

H314 1A
H315
H319
H318
HP5
Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT) e Tossicità in caso di aspirazione:
Rifiuto che può causare tossicità specifica per organi bersaglio con un’esposizione singola o ripetuta oppure può provocare effetti tossici acuti in seguito all’aspirazione.

Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H370 è ≥ 1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H371 è ≥ 10 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H335 è ≥ 20 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H372 è ≥ 1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H373 è ≥ 10 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP5 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H304 è ≥ 10 % e se la viscosità cinematica totale (a 40 °C) non è superiore a 20,5 mm2/s.
H370
H371
H372
H373
H304
H335
HP6
Tossicità acuta:
Rifiuto che può provocare effetti tossici acuti in seguito alla somministrazione per via orale o cutanea, o in seguito all’esposizione per inalazione.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H300 Acute Tox 1 (oral) è ≥ 0,1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H300 Acute Tox 2 (oral) è ≥ 0,25 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H301 Acute Tox 3 (oral) è ≥ 5 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H302 Acute Tox 4 (oral) è ≥ 25 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H310 Acute Tox 1 (dermal) è ≥ 0,25 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H310 Acute Tox 2 (dermal) è ≥ 2,5 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H311 Acute Tox 3 (dermal) è ≥ 15 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H312 Acute Tox 4 (dermal) è ≥ 55 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H330 Acute Tox 1 (inhal) è ≥ 0,1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H330 Acute Tox 2 (inhal) è ≥ 0,5 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H331 Acute Tox 3 (inhal) è ≥ 3,5 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP6 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H332 Acute Tox 4 (inhal) è ≥ 22,5 %
H302
H312
H332
H300
H301
H310
H311
H330
H331
HP7

Pittogramma NON ufficiale
Cancerogeno:
Rifiuto che causa il cancro o ne aumenta l’incidenza.

Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP7 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H350 è ≥ 0,1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP7 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H351 è ≥ 1 %

H350
H351
HP8
Corrosivo:
Rifiuto la cui applicazione può provocare corrosione cutanea.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP8 se la somma delle concentrazioni delle sostanze indicate con codice di pericolo H314 è ≥ 5 %
H314
HP9
Infettivo:
Rifiuto contenente microrganismi vitali o loro tossine che sono cause note, o a ragion veduta ritenuti tali, di malattie nell’uomo o in altri organismi viventi.
CER 180103*
CER 180202*
HP10

Pittogramma NON ufficiale
Tossico per la riproduzione:
Rifiuto che ha effetti nocivi sulla funzione sessuale e sulla fertilità degli uomini e delle donne adulti, nonché sullo sviluppo della progenie.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP10 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H360 è ≥ 0,3 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP10 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H361 è ≥ 3 %
H360
H361
HP11

Pittogramma NON ufficiale
Mutageno:
Rifiuto che può causare una mutazione, ossia una variazione permanente della quantità o della struttura del materiale genetico di una cellula.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP11 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H340 è ≥ 0,1 %
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP11 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codice di pericolo H341 è ≥ 1 %
H340
H341
HP12

Pittogramma NON ufficiale
Liberazione di gas a tossicità acuta:
Rifiuto che libera gas a tossicità acuta (Acute Tox. 1,2 o 3) a contatto con l’acqua o con un acido.
EUH029
EUH031
EUH032
HP13

Pittogramma NON ufficiale
Sensibilizzante:
Rifiuto che contiene una o più sostanze note per essere all’origine di effetti di sensibilizzazione per la pelle o gli organi respiratori.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP13 se la concentrazione di una delle sostanze indicate con codici di pericolo H317 o H334 è ≥ 10 %
H317
H334
HP14
Ecotossico:
Rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.
L’attribuzione della caratteristica di pericolo HP14 è effettuata secondo i criteri stabiliti dal Regolamento (CE) n. 1272/2008 e dal Regolamento(UE) 2017/997
H400
H410
H411
(H412 – H413 – H420)*
HP15

Pittogramma NON ufficiale
Rifiuto che non possiede direttamente una delle caratteristiche di pericolo summenzionate ma può manifestarla successivamente.
Il rifiuto è classificato pericoloso di tipo HP15 se contiene una o più sostanze contrassegnate con codice di pericolo H205 o con una delle informazioni supplementari EUH001, EUH019, o EUH044
H205
EUH001
EUH019
EUH044
 © Copyright LabirintoAmbientale - All Rights Reserved - Piero 2010-2022


Chat on WhatsApp


PARTNERS

EMMEOFFICE di Gianluca Concas WinWaste Gruppo AmelioSocietà Sarda RMP Sarda RMP Ditta Muceli Nino Trituratori Frieco GRUPPO FIR Novambiente

Recupera GroupRe del GuantoApplicazione per rifiuti specialiStudio Alessandro ZuccoTechno Cappe Waste Managerlogo_Lamafer

Modulo contatti fotovoltaico